Home » Blog porte e finestre » I Furbetti del Cartellino

I Furbetti del Cartellino

I Furbetti del Cartellino - dove c'è Portebelle c'è casa

Non sto parlando di quelli che si fanno timbrare il cartellino da un collega o che timbrano in proprio e poi escono a fare shopping.

Sto parlando di quelli che gonfiano i prezzi a dismisura per poi praticare sconti stratosferici per indurre il cliente/consumatore a pensare che acquistando farà l'affare del secolo.

Prima lo sconto era una cosa seria, si poteva fare uno sconto del 5 o 10% ed era già tanto perché diminuiva in quantità significativa il margine di guadagno.

Oggi se fai uno sconto del 20% non sei nessuno, la gente ti guarda e dice: SOLO IL 20???.

Ci sono aziende che fanno pubblicità sulle reti nazionali con uno sconto eccezionale e solo fino al...... ormai da anni, che credibilità può avere questo genere di sconto?

Eppure i consumatori continuano a credere a questa favola, al punto di andare a fare la spesa per comprare 3 cose e di tornare a casa con il carrello pieno perché certi affari non si possono perdere, anche se quelle cose magari non servono neanche.

Lo sconto spinge le persone all'acquisto compulsivo di oggetti/servizi non necessari e a volte addirittura inutili, ormai è provato ed è questo il motivo per cui se ne fa un abbondate uso e abuso.

Portebelle vende porte e finestre insieme ai servizi connessi e di certo chi compra porte e finestre non lo fa compulsivamente, quindi, forse, noi possiamo uscire da questo meccanismo infernale ( dove spesso il cliente viene preso in giro) e smettere di parlare di sconti.

No, non vogliamo alzare i prezzi, vogliamo comunicarli semplicemente così come sono, senza far credere al nostro cliente che per lui rinunciamo al 30% solo perché è bello e simpatico.

Vogliamo dire il prezzo che corrisponde al servizio e al bene acquistato, onestamente.

Il potenziale cliente confronterà la nostra offerta con quella dei nostri competitor e poi deciderà, senza perdersi in calcoli astrusi su sconti fasulli.

Iniziamo da oggi 1 settembre, pensiamo di fare la cosa giusta!

01/09/2016 23:20